My EKG, il sito Web dell'Elettrocardiogramma Logo

Segni di ischemia, lesione e necrosi nella cardiopatia ischemica


Isquemia, Lesión, Necrosis en la Cardiopatía isquémica

Immagine concessa da khunaspix / FreeDigitalPhotos.net

Ischemia, lesione e necrosi miocardica sono i diversi gradi di danno subiti dal miocardio a causa di uno squilibrio tra l'ossigeno fornito dalle arterie coronarie e il consumo del muscolo cardiaco.

La durata della lesione è il fattore determinante nella comparsa di ischemia e nella sua progressione a lesione o necrosi.

Sia l'ischemia, che la lesione e la necrosi hanno manifestazioni diverse sull'elettrocardiogramma, consentendo la loro identificazione.


Differenze tra ischemia, lesione e necrosi

Tradizionalmente si individuano tre fasi dopo l'occlusione di un'arteria coronarica: 

  • Ischemia: riduzione dell'apporto di ossigeno al miocardio a meno di 20 minuti. Il danno è reversibile. L'elettrocardiogramma è principalmente indicato come alterazioni dell'onda T.
  • Lesione: persistenza del deficit di ossigeno nel tempo (superiore a 20 minuti). Il danno è ancora ampiamente reversibile. La principale alterazione dell'elettrocardiogramma sono le variazioni del tratto ST.
  • Necrosi: persistenza per più di 2 ore di deficit di ossigeno. È irreversibile ed è caratterizzato nell'ECG dalla comparsa di onde Q patologiche.

Cause di squilibrio tra assunzione e consumo di ossigeno::

L'ischemia miocardica può essere causata da un deficit dell'apporto di ossigeno, come nella sindrome coronarica acuta, spasmo coronarico o anemia; o causato da un aumento del consumo miocardico, come nella tachicardia o infezione.

Ischemia miocardica

Dopo l'occlusione di un'arteria coronarica, c'è un ritardo nella ripolarizzazione delle cellule del miocardio, causando alterazioni nell'onda T 1.

Ischemia subendocardica

Il subendocardio è la regione più sensibile all'ischemia, che lo rende il primo a soffrire di carenza di ossigeno.

Il ritardo nella ripolarizzazione, all'inizio dell'ischemia subendocardica, provoca un aumento della ampiezza dell'onda T, accompagnato da un aumento dell'intervallo QTc.

Questa immagine di una più ampia ampiezza delle onde T è osservata all'inizio di un infarto miocardico con sopraslivellamento del tratto ST (STEMI). Sebbene il danno STEMI è transmurale per il concetto, la prima regione a subire rappresenta l'ischemia subendocardica e quindi onde T iperacute sono il primo cambiamento dell'elettrocardiogramma in STEMI.

Ischemia subepicardica o transmurale

L'ischemia subepicardica (in pratica è transmurale) provoca un ritardo nella ripolarizzazione del miocardio della regione interessata, generando un'onda T piatta o negativa nell'ECG 1.

Queste alterazioni dell'onda T sono osservate nello STEMI prima che si sviluppi l'onda Q.


Lesione miocardica

Se l'ischemia persiste, si verificano i classici cambiamenti della lesione miocardica, che sull'elettrocardiogramma viene vista come un sopraslivellamento o un sottoslivellamento del tratto ST.

Tipi di sindromi coronariche acute
  • 1. Occlusione parziale di un'arteria coronaria.
  • 2. Occlusione totale di un'arteria coronaria.

Immagine di lesione subendocardica

La lesione subendocardica è generalmente causata da un'occlusione parziale di un'arteria coronarica, generando un grado maggiore di lesione nel subendocardio (più sensibile all'ischemia) rispetto al subepicardio.

Ciò provoca nell'elettrocardiogramma un'immagine di sottoslivellamento del tratto ST in più di una derivazione. Il sottoslivellamento del tratto ST è un segno di ischemia attiva e di solito si osserva nelle sindromi coronariche acute senza sopraslivellamento del tratto ST (NSTE-ACS).

Immagine di lesione subepicardica

In caso di occlusione totale di un'arteria coronarica, si verifica una lesione transmurale (classicamente chiamata subepicardica), che provoca il danneggiamento dell'intero miocardio nell'area.

In questi casi, si osserva l'immagine della lesione subepicardica (transmurale), un sopraslivellamento del tratto ST nelle derivazione vicine alle regioni interessate 2 3.

Ricorda: l'elevazione del segmento ST è un segno di un infarto acuto e deve essere corretta il prima possibile (fibrinolisi o angioplastica). Vedi infarto con sopraslivellamento del ST.


Necrosi miocardica

La necrosi si verifica a causa della persistenza dell'ischemia miocardica nel tempo. Normalmente si osserva nell'evoluzione dell'infarto miocardico con sopraslivellamento ST che non viene rivascolarizzato, causando la morte (necrosi) del tessuto miocardico.

La regione cardiaca con necrosi è elettricamente inattiva, l'elettrocardiogramma mostra onde Q patologiche o complessi QS nelle derivazione vicine.

Quando parliamo onda Q e necrosi ci danno media soprattutto subepicardico (transmurale), poiché normalmente gli eventi ischemici limitati al subendocardio non causano onda Q (infarto non Q o NSTE-ACS).


Sommario

Ischemia, lesione e necrosi miocardica sono i diversi gradi di danno al muscolo cardiaco dopo la sindrome coronarica acuta.

Ogni alterazione presenta cambiamenti specifici nell'elettrocardiogramma, permettendo una diagnosi rapida.

Durante le fasi di ischemia e lesione, il danno miocardico è potenzialmente reversibile, ma non nella fase di necrosi.

Speriamo di averti aiutato con questo articolo, se vuoi continuare nella stessa sezione potresti essere interessato agli articoli sindromi coronariche acute senza sopraslivellamento del ST o infarto miocardico con sopraslivellamento del ST.

Riferimenti

Si te ha gustado... Compártelo.