My EKG, il sito Web dell'Elettrocardiogramma Logo

Intervallo PR


Intervalo PR

L'intervallo PR viene misurato dall'inizio dell'onda P all'inizio del complesso QRS, coprendo l'onda P e il segmento PR.

Deve essere misurato nella derivazione con l'onda P più alta e più ampia e con il QRS più lungo.

L'intervallo PR include la depolarizzazione di entrambi gli atri e la propagazione dello stimolo attraverso il nodo AV e il sistema di conduzione fino a quando il miocardio ventricolare inizia a depolarizzarsi.

Non include il periodo di conduzione del nodo del seno all'orecchio destro.

L'intervallo PR contiene anche la ripolarizzazione atriale (onda T atriale) che è opposta all'asse dell'onda P. Ma poiché la ripolarizzazione atriale normalmente ha una bassa ampiezza, il segmento PR è solitamente isoelettrico nella maggior parte dei casi.

Intervallo PR normale e anormale

Intervallo PR normale:

Negli adulti, il normale intervallo PR misura tra 0,12 e 0,20 secondi (da 3 a 5 quadrati piccoli).

Intervalo PR Normal

Intervallo PR normale (0,14 s).

Di solito è più breve nei bambini (vedi ECG pediatrico) e più lungo negli anziani.

Intervallo PR prolungato:

Il prolungamento dell'intervallo PR maggiore di 0,20 s (5 quadrati piccoli) è chiamato blocco atrioventricolare di primo grado.

Intervalo PR Prolongado

Blocco AV di primo grado con intervallo PR prolungato (0,36 s).


Ciò indica un ritardo nella conduzione dal nodo del seno ai ventricoli. Il nodo atrioventricolare è la struttura più frequentemente coinvolta negli adulti.

Nel blocco AV di secondo grado di tipo I c'è un progressivo allungamento dell'intervallo PR fino a quando non viene condotta un'onda P (fenomeno di Wenckebach).

Intervallo PR corto:

Un intervallo PR corto (meno di 0,12 s) può essere causato da una sindrome di pre-eccitazione (sindrome di Wolff-Parkinson-White), un pacemaker atriale ectopico o un ritmo giunzionale.

Wolff-Parkinson-White con Intervalo PR Corto

Wolff-Parkinson-White con intervallo PR corto (0,08 s) e onda delta (frecce rosse).

I risultati più importanti nella sindrome di Wolff-Parkinson-White sono: un intervallo PR breve, la presenza di onde delta e complessi QRS larghi.

Nel pacemaker atriale ectopico o nel ritmo giunzionale, si possono osservare intervallo PR breve con onde P anormali e con complessi QRS stretti.


Elementi dell'intervallo PR

Onda P

Articoli correlati: Onde dell'ECG, alterazioni delle onde e degli intervalli.

L'onda P rappresenta la depolarizzazione atriale, ed è il risultato della sovrapposizione dell'attività elettrica di entrambi gli atri.

La durata dell'onda P è inferiore a 0,10 s e la sua ampiezza massima è di 0,25 mV. L'onda P normale è positiva in tutti le derivazioni, tranne aVR dove è negativa e V1, dove è isobifasica.

Ulteriori informazioni: Onde dell'ECG, alterazioni delle onde e degli intervalli.

Segmento PR

Articolo correlato: Intervalli e segmenti.

Il segmento PR è il segmento isoelettrico tra la fine dell'onda P e l'inizio del complesso QRS. È contenuto nell'intervallo PR (leggi le differenze tra segmenti e intervalli).

Cause della depressione del segmento PR:

  • Tachicardia indotta dall'esercizio.
  • Presenza di onde P elevate.
  • Pericardite.
  • Ischemia atriale.

Speriamo di averti aiutato a valutare l'intervallo PR. Se fai clic su "avanti" analizzeremo l'intervallo QT.

indietro | avanti


Riferimenti

  • 1. Surawicz B, Knilans TK. Chou’s electrocardiography in clinical practice, 6th ed. Philadelphia: Elservier; 2008.

Ti è piaciuto? Condividi.