My EKG, il sito Web dell'Elettrocardiogramma Logo

Onde dell’elettrocardiogramma


Le onde sono le diverse curvature che l'ECG traccia su o giù. Sono il prodotto dei potenziali d'azione che si verificano durante la stimolazione cardiaca e si ripetono da un battito all'altro, ad eccezione delle alterazioni.

Ondas del Electrocardiograma

Le onde dell’elettrocardiogramma sono state chiamate P, Q, R, S, T, U in quest’ordine e sono collegate tra loro da una linea isoelettrica.

Onda P

L'onda P è la prima onda del ciclo cardiaco. Rappresenta la depolarizzazione degli atri. È composta dalla sovrapposizione dell'attività elettrica di entrambi gli atri.

La sua parte iniziale corrisponde alla depolarizzazione dell'atrio destro e la sua parte finale a quella dell'atrio sinistro.

La durata normale dell'onda P è inferiore a 0,10 s (larghezza 2,5 mm) e un'ampiezza massima di 0,25 mV (altezza 2,5 mm). Quando è generato dal nodo del seno è positiva in tutte le derivazioni, tranne in aVR dove è negativa e in V1 deve essere isodifasica.

Nelle dilatazioni atriali l'onda P può aumentare in altezza o durata (vedi alterazioni della onda P) ed è assente nella fibrillazione atriale.

Articolo correlato: Alterazioni delle onde e intervalli.

Onda Q

Due cose importanti su questa ondata:

1. Se c'è un'onda positiva minima nel complesso QRS prima di un'onda negativa, l'onda negativa non è una onda Q, ma è un'onda S, per quanto piccola sia l'onda positiva precedente.

2. Non ogni onda Q comporta un infarto. In un elettrocardiogramma normale ci sono onde Q in determinate derivazioni, senza avere un significato patologico.

Caratteristiche della onda Q normale

  • Derivazioni periferiche:

  • L'onda Q normale è generalmente stretta e poco profonda (meno di 0,04 s di larghezza e 2 mm di profondità) in generale non supera il 25% del QRS.
  • Un'onda Q relativamente profonda può essere vista in III nei cuori orizzontali e una QS in aVL nei cuori verticali.
  • Un'onda Q profonda in aVF è normale.
  • Derivazioni precordiali:

  • Non devono mai essere presenti un'onda Q in V1-V2.
  • Normalmente si osserva un'onda Q in V5-V6, di solito con una larghezza inferiore a 0,04 s, una profondità di 2 mm o non supera il 15% del complesso QRS.

Complesso QRS

È formato da una serie di onde che rappresentano la depolarizzazione dei ventricoli. La sua durata varia da 0,06 a 0,10 s. Può presentare diverse morfologie a seconda della derivazion (vedi morfologia del complesso QRS).

  • Onda Q: se la prima onda del complesso QRS è negativa, viene chiamata onda Q.
  • Onda R: è la prima onda positiva del complesso QRS, può essere preceduta da un'onda negativa (onda Q) oppure no. Se c'è un'altra onda positiva nel complesso QRS, si chiama R'.
  • Onda S: è l'onda negativa che appare dopo l'onda R.
  • Onda QS: quando un complesso è completamente negativo, senza la presenza di un'onda positiva, si chiama complesso QS. Di solito è un segno di necrosi miocardica.
  • Onde R' e S': quando c'è più di un'onda R o più di un'onda S, vengono chiamate R 'e S'.

Ricorda: se in un complesso QRS c'è un'onda positiva iniziale minima, per quanto piccola, questa sarà un'onda R e l'onda negativa che segue è un'onda S, non un'onda Q. La confusione è un errore frequente.

Onda T

Rappresenta la ripolarizzazione dei ventricoli. È generalmente più piccola del QRS che lo precede.

In un elettrocardiogramma normale è positiva in tutte le derivazioni tranne in aVR. Tuttavia, può essere negativa in D3 negli obesi e in V1-V4 in bambini, giovani e donne.

L'onda T normale è asimmetrica, con la parte ascendente più lenta di quella discendente. La sua ampiezza massima è inferiore a 5 mm nelle derivazioni periferiche e inferiore a 15 mm nelle derivazioni precordiali.

Esistono molteplici patologie che causano cambiamenti nell'onda T come cardiopatia ischemica o ipercaliemia (vedi alterazioni dell'onda T).

Onda U

Di solito un'onda positiva, di bassa ampiezza, che appare principalmente nelle derivazioni precordiali immediatamente dietro l'onda T. La sua origine è sconosciuta, potrebbe significare la ripolarizzazione dei muscoli papillari.

Nell’ipercaliemia moderata o grave e nel trattamento con digossina, è tipica la presenza di onde U prominenti.

indietro | avanti

Ti è piaciuto? Condividi.