My EKG, il sito Web dell'Elettrocardiogramma Logo

Derivazioni dell'elettrocardiogramma


Nell'elettrocardiogramma (ECG), le derivazioni sono la registrazione della differenza di potenziale elettrico tra due punti, tra due elettrodi (derivazioni bipolari) o tra un punto virtuale e un elettrodo (derivazioni monopolari).

È importante sapere che le derivazioni cardiache non devono essere analizzate separatamente, se non nell'intero elettrocardiogramma, poiché ciascuna derivazione ha un diverso punto di vista dello stesso stimolo elettrico.

Metafora dell’autobus:

Immagina un autobus posto al centro di un edificio industriale. Questa nave ha 12 finestre, da cui, le persone che sono fuori, possono guardare l'autobus.

Se una fotografia dell'autobus fosse presa da ogni finestra, avremmo 12 fotografie diverse, ma tutte dello stesso autobus.

Qualcosa di simile sono le derivazioni dell'elettrocardiogramma. Ogni derivazione è una "immagine" diversa dell'attività elettrica del cuore.

A seconda del piano elettrico del cuore che registrano, troviamo le derivazioni delle estremità (piano frontale) e le derivazioni precordiali (piano orizzontale).

Derivazioni degli arti o piano frontale

Sono così chiamati, le derivazioni dell'elettrocardiogramma derivano dagli elettrodi posti agli arti.

Queste derivazioni forniscono dati elettrocardiografici del piano frontale (non dei potenziali diretti in avanti o indietro).

Le derivazioni degli arti sono divise in: derivazioni bipolari, chiamate anche derivazioni classiche o de Einthoven, e derivazioni monopolari aumentate.

Derivazioni bipolari standard

Derivazioni periferiche dell'elettrocardiogramma

Derivazioni degli arti e triangolo di Einthoven.

Sono le derivazioni classiche dell'elettrocardiogramma descritti da Einthoven. Registrano la differenza di potenziale tra due elettrodi situati in diversi arti.

  • D1: diferencia de potencial entre brazo derecho y brazo izquierdo. Su vector está en dirección a 0º.
  • D2: diferencia de potencial entre brazo derecho y pierna izquierda. Su vector está en dirección a 60º.
  • D3: diferencia de potencial entre brazo izquierdo y pierna izquierda. Su vector está en dirección a 120º.

Triangolo e legge di Einthoven:

Le tre derivazioni bipolari formano insieme il cosiddetto triangolo di Einthoven (l'inventore dell'elettrocardiogramma). Queste derivazioni, mantengono una proporzione matematica, riflessa nella legge di Einthoven che ci dice: D2 = D1 + D3.

Questa legge è molto utile nell'interpretazione di un elettrocardiogramma. Permette di determinare se gli elettrodi degli arti sono ben posizionati, perché se la posizione di qualche elettrodo è variata, questa legge non sarebbe rispettata, facendoci sapere che l'ECG è mal eseguito.

Derivazioni monopolari aumentate

Nell'elettrocardiogramma, le derivazioni monopolari degli arti registrano la differenza de potenziale tra un punto teorico al centro del triangolo di Einthoven, con un valore di 0 e l'elettrodo di ciascun arto, consentendo di conoscere il potenziale assoluto in detto elettrodo.

Queste derivazioni inizialmente erano denominate VR, VL e VF. La Vsta per Vector,R, L, F: a destra, piede e sinistro (in inglese). Successivamente si aggiunge lettere minuscole a, cioè amplificata (le corrente derivazioni monopolari sono amplificati rispetto alla iniziale).

  • aVR: potenziale assoluto del braccio destro. Il suo vettore è nella direzione di -150º.
  • aVL: potenziale assoluto del braccio sinistro. Il suo vettore è nella direzione di -30º.
  • aVF: potenziale assoluto della gamba sinistra. Il suo vettore è nella direzione di 90º.

Derivazioni precordiali o del piano orizzontale

Derivaciones y Electrodos Precordiales del EKG

Derivazioni precordiali e dei rispettivi elettrodi

Le derivazioni precordiali dell'elettrocardiogramma sono sei. Sono chiamate con una lettera maiuscola V e un numero compreso tra 1 e 6.

Sono derivazioni monopolari, registrano il potenziale assoluto del punto in cui è collocato l’elettrodo omonimo.

Sono le migliori derivazioni per richiedere le alterazioni del ventricolo sinistro, in particolare delle pareti anteriore e posteriore.

Nell'elettrocardiogramma normale, nelle derivazioni precordiali, i complessi QRS sono prevalentemente negativi nei cavi V1 e V2 (tipo Rs) e prevalentemente positivi in V4 a V6 (tipo Rs).

Derivazioni precordiali

  • V1: questa derivazione registra i potenziali degli atri, parte del setto e della parete anteriore del ventricolo destro. Il complesso QRS ha una piccola onda R (depolarizzazione del setto intraventricolare) seguita da un'onda S profonda (vedi morfologia del complesso QRS).
  • V2: l'elettrodo di questa derivazione precordiale è sopra la parete ventricolare destra, quindi l'onda R è leggermente più grande rispetto a V1, seguita da un'onda S profonda (attivazione ventricolare sinistra).
  • V3: derivazione transitoria tra i potenziali ECG sinistro e destro, poiché l'elettrodo si trova sul setto interventricolare. L'onda R e l'onda S sono generalmente quasi uguali (complesso QRS isobifasico).
  • V4:l'elettrodo di questo shunt si trova all'apice del ventricolo sinistro, dove lo spessore è maggiore. Ha un'onda R alta seguita da un'onda S piccola (attivazione del ventricolo destro).
  • V5 e V6:questi derivazioni si trovano sul miocardio del ventricolo sinistro, il cui spessore è inferiore a quello di V4. Pertanto, l'onda R è più piccola rispetto a V4, sebbene sia ancora alta. L'onda R è preceduta da una piccola onda q (depolarizzazione del setto).

Altre derivazioni dell'elettrocardiogramma

Articolo correlato: Derivazioni a destra e derivazioni posteriori.

Nei pazienti con una sindrome coronarica acuta in cui si sospetta la possibilità di infarto posteriore o del ventricolo destro, è consigliabile posizionare gli elettrodi elettrocardiografici in posizioni insolite.

Se si sospetta un infarto posteriore, tre elettrodi devono essere posizionati sul retro per eseguire le derivazioni posteriori.

Quando vi sono dati sul coinvolgimento del ventricolo destro durante un infarto acuto o se il paziente ha destrocardia o situs inversus, gli elettrodi precordiali devono essere posizionati sul lato destro, creando le derivazioni a destra.

Per maggiori informazioni consulta: Derivazioni a destra e derivazioni posteriori.


indietro | avanti

Ti è piaciuto? Condividi.