My EKG, il sito Web dell'Elettrocardiogramma Logo

Aritmie ventricolari


Le aritmie ventricolari sono un gruppo di disturbi del ritmo con un'origine distale rispetto alla biforcazione del fascio di His 1.

Poiché gli stimoli ventricolari non sono condotti dal sistema di conduzione intraventricolare, il loro complesso QRS è largo, con un meccanismo simile a quello dei blocchi di branca.

La più comune causa di aritmia ventricolare è la presenza di stimoli ectopici (extrasistole ventricolari, tachicardia ventricolare), ma può anche essere un fenomeno di fuga prodotto in assenza di stimoli auricolari.

L'elettrocardiogramma è un test fondamentale nelle aritmie ventricolari, soprattutto in quelle di maggiore gravità, come la tachicardia ventricolare.

Se la condizione del paziente lo permette, si deve condurre un ECG di dodici derivazioni e un ECG lungo de ritmo cardiaco per identificare il tipo di aritmia e differenziare tra una tachicardia ventricolare e una sopraventricolare.

Extrasistole ventricolari

Articolo correlato: Extrasistole ventricolari.

Extrasistole ventricolare isolata in un elettrocardiogramma

Extrasistole ventricolare isolata in un elettrocardiogramma nel ritmo sinusale:

La freccia indica l'extrasistole; in blu è indicata la pausa extrasistolica.

Le extrasistole ventricolari sono stimoli ectopici prodotti nei ventricoli, che generano una depolarizzazione ventricolare prematura.

Appaiono sia nei pazienti con cardiopatie strutturali che nei pazienti sani, essendo più frequenti all'aumentare dell'età. Possono aumentare il loro numero in situazioni cliniche come infezioni, ischemia, stress o consumo di sostanze tossiche.

Extrasistole ventricolari nell'elettrocardiogramma

  • Complesso QRS prematuro in relazione alla stimolazione attesa del ritmo cardiaco basale.
  • Complesso QRS largo con morfologia anormale. Alterazioni nel segmento ST e nell'onda T.
  • L'extrasistole ventricolare non è preceduta da un'onda P.
  • Pausa compensatoria completa: dopo un'extrasistole ventricolare c'è un ritardo fino alla comparsa del ritmo basale.

Classificazione delle extrasistole ventricolari

Secondo la morfologia:

  • Monofocale: tutte le extrasistole hanno la stessa morfologia.
  • Multifocale: presenza di extrasistole con diverse morfologie.

Secondo la frequenza:

  • Frequente: 10 o più extrasistole all'ora o 6 extrasistole o più al minuto.
  • Occasionale: meno di 10 extrasistole all'ora o meno di 5 al minuto.

Secondo la periodicità:

  • Extrasistole ventricolari isolate: quando non soddisfano alcuna periodicità.
  • Bigeminismo ventricolare: ogni QRS di base è seguito da un'extrasistola ventricolare.
  • Trigeminismo ventricolare: ogni due QRS al basale appare un'extrasistola ventricolare.
  • Quadrigeminismo ventricolare: ogni tre QRS basali appare un'extrasistola ventricolare.
  • Extrasistoli in coppia: due extrasistoli consecutivi.
  • Tachicardia ventricolare non sostenuta: tre o più extrasistoli ventricolari consecutivi.
Bigeminismo ventricolare

Bigeminismo ventricolare: ogni QRS di base è seguito da un'extrasistola ventricolare.

Tre o più extrasistole ventricolari consecutivi sono, per concetto, una tachicardia ventricolare

Nei pazienti con fibrillazione auricolare, possono comparire battiti isolati con complessi QRS larghi a causa della conduzione aberrante (fenomeno di Ashman), che di solito sono diagnosticati erroneamente come extrasistole ventricolari.

Esse differiscono per l'assenza di pause compensative e per la precedente sequenza di intervalli R-R lunghi e corti (vedi fenomeno di Ashman).

Per maggiori informazioni consulta: Extrasistole ventricolari.


Ritmo di fuga ventricolare o ritmo idioventricolare

Il ritmo di fuga ventricolare o idioventricolare avviene in assenza di tachicardie sopraventricolari con stimoli o per diminuire la frequenza cardiaca 40 bpm (sindrome del nodo del seno o blocco atrioventricolare di terzo grado distale rispetto al fascio di His).

Il ritmo di fuga ventricolare è osservato sull'elettrocardiogramma come un ritmo lento e regolare (tra 20 e 50 bpm) e con QRS largo.

È impossibile differenziarlo da un ritmo di fuga giunzionale con blocco di branca.

Normalmente non si osservano onde P, ma si possono verificare onde P dissociate o onde P retrograde.

Ritmo idioventricolare accelerato

Il ritmo idioventricolare accelerato o RIVA si osserva principalmente dopo riperfusione di un'arteria coronarica occlusa in una sindrome coronarica acuta.

È causato da un anomalo automatismo dei ventricoli.

L'elettrocardiogramma mostra un ritmo con QRS di morfologia ventricolare (simile a una TV), ma con una frequenza cardiaca bassa (tra 60 e 110 bpm), con inizio e fine graduali, che lo differenzia dalla tachicardia ventricolare, che di solito inizia con un'extrasistola.

È uno dei segni di riperfusione coronarica, quindi la sua comparta in un infarto miocardico con sopraslivellamento del tratto ST è una buona prognosi.


Tachicardia ventricolare

Articolo correlato: Tachicardia ventricolare.

Si tratta di tachicardia ventricolare (TV) quando compaiono tre o più battiti ventricolari successivi.

Se la loro durata è inferiore a 30 secondi, allora parliamo di tachicardia ventricolare non sostenuta, mentre se la durata è più lunga di 30 secondi o c’è bisogno di una cardioversione parliamo di tachicardia ventricolare sostenuta.

Tachicardia ventricolare monomorfa non sostenuta

Tachicardia ventricolare monomorfa non sostenuta, 17 battiti.

La causa principale della tachicardia ventricolare è la cardiopatia ischemica, dovuta a meccanismi di rientro in regioni danneggiate da infarto miocardico.

Altre cause di tachicardia ventricolare sono le cardiomiopatie dilatate o quella ipertrofica, la cardiomiopatia aritmogena del ventricolo destro, malattia valvolare, sarcoidosi e la malattia di Chagas.

La tachicardia ventricolare è di solito una tachicardia regolare con frequenza cardiaca tra 100 e 250 bpm, anche se in alcuni casi può avere un ritmo irregolare.

Nella tachicardia ventricolare, l'attività atriale è indipendente dai ventricoli, a meno che non vi sia una conduzione ventricolare-atriale (vedere i criteri elettrocardiografici per la tachicardia ventricolare).

Ricorda: ogni tachicardia con QRS largo è una tachicardia ventricolare se non viene dimostrato il contrario. toda taquicardia com QRS largo é uma taquicardia ventricular até prova em contrário.

Il quadro clinico spazia da pochi sintomi o palpitazioni all'arresto cardiaco, e può prevedere sincope, insufficienza cardiaca e shock cardiogeno.

Se tutti i complessi QRS della TV hanno la stessa morfologia, si chiama tachicardia ventricolare monomorfa. Se la morfologia varia chiamato tachicardia ventricolare polimorfa o polimorfa.

Tachicardia ventricolare polimorfa o torsione di punta

Elettrocardiogramma de Torsione di punta

Tachicardia ventricolare polimorfa o torsione di punta

La torsione di punta è un tipo di tachicardia ventricolare polimorfa che si associa con la presenza di un intervallo QT lungo.

È caratterizzato nell'ECG da variazioni dell'ampiezza dei complessi QRS, che sembrano ruotare sulla linea isoelettrica.

Per maggiori informazioni consulta: Tachicardia ventricolare.


Fibrillazione ventricolare

Fibrillazione Ventricolare sull'elettrocardiogramma

Elettrocardiogramma in fibrillazione ventricolare.

La fibrillazione ventricolare comprende un ritmo ventricolare rapido (maggiore di 250 battiti al minuto), irregolare, di morfologia caotica, che comporta la perdita assoluta della contrazione cardiaca, quindi senza trattamento può risultare mortale.

La sua principale eziologia è la cardiopatia ischemica, sebbene possa verificarsi nella maggior parte delle malattie cardiache, inclusa la cardiomiopatia ipertrofica e dilatativa. Il suo unico trattamento efficace è la defibrillazione elettrica.

La fibrillazione ventricolare è caratterizzata sull'ECG da ondulazioni irregolari nella forma e nella morfologia, senza distinguere i complessi QRS o le onde T.

Ricorda: la fibrillazione ventricolare è un arresto cardiaco e l’unico trattamento efficace è defibrillazione elettrica.

Riferimenti

  • 1. Surawicz B, Knilans TK. Chou’s electrocardiography in clinical practice, 6th ed. Philadelphia: Elservier; 2008.
  • 2. Uribe W, Duque M, Medina E. Electrocardiografía y Arritmias. Bogotá: P.L.A. Export Editores Ltda; 2005.

Ti è piaciuto? Condividi.