My EKG, il sito Web dell'Elettrocardiogramma Logo

Tachicardie sopraventricolari


Le tachicardie sopraventricolari (SVT dell'inglese) sono un gruppo di disturbi del ritmo cardiaco in cui è necessaria almeno una struttura situata al di sopra del fascio di His per il suo mantenimento.

Includono una serie di diverse alterazioni, la più frequente è la tachicardia intranodale e la da rientro atrioventricolare. Inoltre è incluso in questo articolo per la tachicardia atriale e la tachicardia sinusale inappropriata, aritmie più rare.

Le tachicardie sopraventricolari sono caratterizzate nell'ECG per essere tachicardie regolari con complessi QRS stretti e frequenza cardiaca elevata.

Sebbene meno frequenti, ci sono tachicardie sopraventricolari con QRS largo, come la tachicardia da rientro atrioventricolare antidromica, quando c'è un blocco di branca o si verifica una conduzione aberrante (fenomeno di Ashman).

Per concetto, la fibrillazione atriale e il flutter atriale sono tachicardie sopraventricolari, ma le preferiamo per studiare singolarmente in altri articoli.

Tachicardia sopraventricolare da rientro nodale

Articolo correlato: Tachicardia da rientro nodale.

La tachicardia da rientro nodale o tachicardia reciprocante nodale è la tachicardia parossistica sopraventricolare più frequente nei cuori sani, essendo in grado di rappresentarne il 60%. Di solito si osserva soprattutto nelle donne nella quarta decade di vita.

È causato dalla presenza di un doppia via di conduzione nel nodo AV, una rapida e una lenta, che, in presenza di una extrasistole atriale, genera un meccanismo di rientro che perpetua la tachicardia.

Elettrocardiogramma di tachicardia da rientro nodale

Tachicardia da rientro nodale:
Taquicardia regolare con complessi QRS stretti a 188 bpm.

Dal punto di vista elettrofisiologico, si distinguono due forme di tachicardia da rientro nodale, la lenta-rapida (comune) e la rapida-lenta (non comune).

Sull'elettrocardiogramma la tachicardia da rientro nodale è caratterizzata da:

  • Tachicardia con QRS stretti regolare con FC tra 120 e 250 bpm.
  • Forma comune: assenza di onde P o immagine de falsa onda r' in V1 o falsi onde S nelle derivazioni inferiori (onde P inserite negli QRS).  
  • Forma non comune: onde P negative subito dopo il QRS (prima dell'onda T) nelle derivazioni inferiori.

Poiché si tratta di una tachicardia sopraventricolare a cui partecipa il nodo AV, è normale interromperlo con manovre vagali o con la somministrazione di adenosina per via endovenosa.

La somministrazione di adenosina per via endovenosa deve essere effettuata da personale medico esperto e sotto controllo del paziente.

Il trattamento definitivo della tachicardia da rientro nodale è l'ablazione trans-catetere della via lenta.

Per maggiori informazioni consulta: Tachicardia da rientro nodale.


Tachicardia da rientro atrioventricolare

Fino a un terzo dei pazienti con diagnosi di preeccitazione su un elettrocardiogramma può avere tachicardia sopraventricolare associata alla via accessoria 1.

Queste tachicardie sono prodotte da un meccanismo di macro-rientro in cui partecipano gli atri, il sistema di conduzione, i ventricoli e la via accessoria. Lo stimolo elettrico è condotto continuamente da tutte queste strutture che perpetuano la tachicardia.

A seconda di dove lo stimolo scende e sale, si verificheranno due modelli elettrocardiografici molto diversi:

Tachicardia da rientro atrioventricolare ortodromica:

Lo stimolo scende ai ventricoli attraverso il sistema di conduzione (nodo AV, fascio di His) e ritorna negli atri attraverso il percorso accessorio. Poiché i ventricoli sono stimolati dal sistema di conduzione, il complesso QRS è stretto.

Elettrocardiogramma di tachicardia da rientro atrioventricolare ortodromica

Tachicardia da rientro atrioventricolare ortodromica a 250 bpm:
Taquicardia regolare con complesso QRS stretto. In rosso, l’onda P dopo il QRS.

Caratteristiche dell'elettrocardiogramma della tachicardia da rientro atrioventricolare ortodromica:

  • Taquicardia di QRS stretto con una frequenza cardiaca tra 200 e 300 bpm.
  • Le onde P non sinusali possono essere osservate dopo il complesso QRS

Tachicardia da rientro atrioventricolare antidromica:

Lo stimolo scende ai ventricoli dalla via accessoria e ritorna negli atri attraverso il sistema di conduzione. Poiché la depolarizzazione ventricolare viene eseguita completamente dalla via accessoria, il complesso QRS è largo.

La tachicardia da rientro atrioventricolare antidromica è una tachicardia sopraventricolare di QRS largo.

Caratteristiche dell'elettrocardiogramma della tachicardia da rientro atrioventricolare antidromica:

  • Tachicardia di QRS largo con frequenza cardiaca compresa tra 200 e 300 bpm.
  • Senza un elettrocardiogramma precedente nel ritmo sinusale con pre-eccitazione, è difficile differenziarsi da una tachicardia ventricolare.

Tachicardia atriale

La tachicardia atriale è una rara tachicardia sopraventricolare. Come suggerisce il nome, ha origine nel muscolo atriale e non richiede il nodo atrioventricolare o i ventricoli per il mantenimento.

La frequenza cardiaca nella tachicardia atriale dipenderà dalla capacità di conduzione del nodo atrioventricolare e potrebbe esserci una conduzione auricolo-ventricolare 1: 1, 2: 1, ecc.

Elettrocardiogramma di Tachicardia atriale

Tachicardia atriale:
Tachicardia a 125 bpm con onde P ectopiche (negative in D2)

La tachicardia atriale è caratterizzata dall'elettrocardiogramma:

  • Onde P ben definite, con una frequenza tra 100 e 240 bpm.
  • L'onda P ha morfologia e asse elettrico diversi dall'onda P sinusale.
  • Le onde P sono generalmente più vicine al QRS successivo rispetto al precedente (intervallo PR inferiore a RP).
  • Complessi QRS stretti, a meno che non vi sia blocco di branca o conduzione aberrante.

In caso di dubbio diagnostico, in questo tipo di tachicardia sopraventricolare, in particolare ad alte frequenze cardiache in cui è difficile distinguere le onde P, le manovre vagali o la somministrazione di adenosina per via endovenosa può produrre un blocco atrioventricolare transitorio, che consente di vedere le onde P nascoste della tachicardia atriale.

A differenza della tachicardia sopraventricolare a cui partecipa il nodo AV, non è comune per la tachicardia atriale che l'adenosina interrompa l'aritmia.

Extrasistoli atriali

Le extrasistoli atriali sono impulsi elettrici precoci generati in un'altra regione degli atri diversa dal nodo del seno.

Sono caratterizzati nell'elettrocardiogramma dalla comparsa di onde P isolate con morfologia e asse elettrico diversi da quelli del ritmo sinusale.

Extrasistole atriali

Extrasistoli atriali

L'intervallo PR nelle extrasistoli atriali può essere normale o ridotto.

La conduzione atrioventricolare può essere normale o bloccata se si verifica l'extrasistole atriale durante il periodo refrattario del nodo AV.

In alcuni elettrocardiogrammi è difficile identificare l'onda dell'extrasistole atriale, poiché può essere inclusa nell'onda T o nel complesso QRS precedente.

Gli extrasistoli atriali non richiedono un trattamento, tranne per il fatto che sono secondari a un'altra patologia o molto sintomatici.


Tachicardia sinusale inappropriata

Articolo correlato: Tachicardia sinusale inappropriata.

La tachicardia sinusale inappropriata è una tachicardia sopraventricolare rara, causata da livello di aumento della frequenza cardiaca del nodo del seno a riposo o con leggero sforzo.

Elettrocardiogramma de Tachicardia sinusale inappropriata

Tachicardia sinusale a 136 bpm

Le caratteristiche dell'elettrocardiogramma della tachicardia sinusale inappropriata sono quelle della tachicardia sinusale.

È più frequente nelle giovani donne ed è generalmente molto sintomatica. La diagnosi viene fatta dopo aver escluso altre tachicardie sopraventricolari e altre cause di tachicardia sinusale.

Per maggiori informazioni consulta: Tachicardia sinusale inappropriata.


Riepilogo delle tachicardie sopraventricolari

Le tachicardie sopraventricolari sono un gruppo di disturbi del ritmo cardiaco che nella maggior parte dei casi causano immagini di tachicardia ritmica con QRS stretto.

Per concetto, per la sua manutenzione è necessario partecipare almeno una struttura al di sopra del fascio di His.

Di solito hanno una prognosi benigna, sebbene di solito siano molto sintomatici e con ricorrenze frequenti.

Il trattamento medico con farmaci antiaritmici è generalmente efficace, ma poiché l'ablazione trans-catetere è un trattamento definitivo e con buoni risultati, di solito finisce per essere il trattamento di scelta.

Speriamo di esservi stati utili per ampliare le vostre conoscenze sulla tachicardia sopraventricolare.


Riferimenti

Ti è piaciuto? Condividi.