My EKG, il sito Web dell'Elettrocardiogramma Logo

Come leggere e interpretare un elettrocardiogramma


Articolo correlato: Come leggere un ECG in età pediatrica.

Come leggere un elettrocardiogramma

Immagine concessa da José de stockimages / FreeDigitalPhotos.net

L'interpretazione di un elettrocardiogramma è di importanza cruciale nel lavoro di ogni medico. Pertanto, cerchiamo di fornirti gli strumenti che ti assicurano e facilitano la corretta interpretazione di un elettrocardiogramma.

In questo articolo ci concentreremo sui passaggi da seguire per la corretta analisi dell'elettrocardiogramma.

Dobbiamo ricordarti che l'ECG deve essere valutato nel suo insieme, quindi tutti le 12 derivazioni dell'elettrocardiogramma devono essere analizzate nel loro insieme.

I risultati ottenuti devono essere analizzati tenendo presente il quadro clinico del paziente, la sua cartella clinica e i risultati di altri test diagnostici.


Come leggere un elettrocardiogramma


Prima di tutto: assicurati che l'elettrocardiogramma sia stato eseguito correttamente.

Determina, poi, se i valori di velocità e ampiezza sono normali. In un elettrocardiogramma standard, la velocità è di 25 mm/s e l'ampiezza è di 1 mV per 10 mm (vedi carta dell'elettrocardiogramma).

Verifica che le 12 derivazioni siano state registrate e che l'ECG non abbia troppi dettagli che rendano difficile la lettura.

Nel caso in cui la lettura sia difficile o l'elettrocardiogramma non sia stato eseguito correttamente, dovrebbe essere ripetuto ove possibile.

Una volta verificato che l'elettrocardiogramma è stato svolto correttamente, iniziamo la sua lettura. Ti consigliamo di seguire sempre lo stesso procedimento per non dimenticarti nulla.


Frequenza cardiaca:

La prima cosa da determinare in un elettrocardiogramma è la frequenza cardiaca. Dobbiamo perlomeno sapere se si tratta di una tachicardia, bradicardia o una frequenza cardiaca normale. Questo ci consentirà di passare al passaggio successivo.

Nell'articolo su come calcolare la frequenza cardiaca spieghiamo come calcolarla e ti forniamo anche un calcolatore della frequenza cardiaca per semplificare il tuo lavoro.

Ritmo cardiaco:

Il prossimo passo è determinare se i complessi QRS sono ritmici. Come sapere? È semplice vedere se gli intervalli R-R (distanza tra due complessi QRS) sono simili. In caso di dubbi, assicurati di utilizzare una bussola o un righello.

In seguito bisogna valutare se l'elettrocardiogramma ha un ritmo sinusale. Per questo dobbiamo determinare se ogni ciclo cardiaco ha un'onda P prodotta dal nodo del seno (vedi ritmo sinusale) sempre seguita da un complesso QRS.

Se queste condizioni sono soddisfatte, possiamo dire che l'elettrocardiogramma è ritmico ed è in ritmo sinusale (vedi analisi del ritmo cardiaco).

Intervallo PR:

L'intervallo PR (normale tra 0,12 s e 0,20 s) deve essere misurato dall'inizio dell'onda P all'inizio del QRS.

Un prolungamento dell'intervallo PR può diagnosticare un blocco AV di primo grado. Un intervallo PR corto può diagnosticare una sindrome di Wolff-Parkinson-White (vedi intervallo PR).

Intervallo QT:

L'intervallo QT deve essere misurato dall'inizio del complesso QRS alla fine dell'onda T.

L'intervallo QT varia in base alla frequenza cardiaca, quindi il suo valore deve essere corretto in base alla frequenza cardiaca. L'intervallo QT corretto o QTc è normale tra 350 ms e 440 ms (vedi intervallo QT).

Asse cardiaco:

È una delle fasi dell'analisi dell'elettrocardiogramma che di solito richiede più lavoro. Un metodo sicuro e veloce per sapere se è normale che le derivazioni D1 e aVF siano positive (vedi come calcolare l'asse cardiaco).

Alterazioni del tratto ST:

Ora è il momento di valutare il tratto ST, quella linea tanto temuta che ci avverte della presenza di cardiopatia ischemica.

Il tratto ST è la linea tra la fine del complesso QRS e l'inizio dell'onda T. Deve essere isoelettrico e, per sapere se è ridotto o elevato, deve essere confrontato con il segmento PR o, in caso di dubbi, con il segmento TP (tra l'onda T del battito precedente e l'onda P del battito analizzato) (vedi valutazione del tratto ST).

Valutare tutte le onde e gli intervalli:

Per completare l'analisi è necessario valutare ciascuna delle onde e degli intervalli dell'elettrocardiogramma che non abbiamo precedentemente valutato. Ad esempio, un blocco di branca, alterazioni dell'onda P, presenza di un'onda Q patologica o alterazioni dell'onda T (vedi alterazioni delle onde e degli intervalli).


Come scrivere un referto di un elettrocardiogramma

Seguendo questi passaggi sarai in grado di leggere un elettrocardiogramma. Ora, però, dobbiamo organizzare tutti i dati ottenuti per scrivere un referto dell'elettrocardiogramma. Per esempio:

Elettrocardiogramma ritmico, nel ritmo sinusale, con frequenza cardiaca di 80 bpm. Intervalli PR e QT normali, con asse normale a 45º, senza alterazioni del tratto ST o di altre onde e intervalli.

Questo è un referto completo, ma se vuoi scrivere un referto di un elettrocardiogramma con maggiori dettagli, potresti dare più informazioni su ciascuna delle onde, i segmenti e gli intervalli. Per esempio:

Elettrocardiogramma ritmico, nel ritmo sinusale, con frequenza cardiaca di 80 bpm, onda P positiva in tutte le derivazioni tranne in aVR, seguita di QRS stretto con asse cardiaco normale a 45°. Intervallo PR normale di 0,15 s. QT corretto normale di 400 ms, tratto ST isoelettrico, senza alterazioni significative, onda T positiva in tutte le derivazioni tranne in aVR. Non c'è presenza di onde Q patologiche.

Speriamo di averti aiutato a leggere un elettrocardiogramma. Se fai clic su "avanti", ti spiegheremo in modo più dettagliato il calcolo della frequenza cardiaca.

indietro | avanti

Ti è piaciuto? Condividi.