My EKG, il sito Web dell'Elettrocardiogramma Logo

Elettrocardiogramma pediatrico


Electrocardiograma Pediátrico

Immagine cortesia di Serge Bertasius Photography / FreeDigitalPhotos.net

L'elettrocardiogramma continua ad essere un test di grande importanza per la diagnosi e l'evoluzione di cardiopatie congenite, aritmie o altre malattie cardiache durante l'età pediatrica.

principi di base degli elettrocardiogrammi pediatrici sono uguali a quelli degli adulti, ma per i bambini l'ECG ha caratteristiche specifiche, condizionati soprattutto dall'età del paziente.

In questo articolo cercheremo di fornirti tutti gli strumenti per la corretta realizzazione e interpretazione di un elettrocardiogramma pediatrico e delle sue differenze rispetto a quello dell'adulto.



Come eseguire un elettrocardiogramma su un bambino?

L'elettrocardiogramma su un bambino viene eseguito in modo simile a quello su un adulto.

I 10 elettrodi vengono posizionati nelle loro normali posizioni e vengono fatti tentativi per impedire al bambino di muoversi durante l'acquisizione dell’ECG (questa è la parte difficile).

Gli elettrodi delle estremità possono essere posizionati nel busto per ridurre l'artefatti da movimento. Nei neonati e nei bambini, le derivazioni destre V3R e V4R devono essere analizzate anche per studiare meglio il ventricolo destro.

Una volta fatto, l'elettrocardiogramma deve essere controllato prima di rimuovere gli elettrodi, assicurandosi che la calibrazione dell'elettrocardiogramma sia corretta e che non vi siano artefatti o derivazioni registrate in modo errato.

Differenze tra l'ECG pediatrico e l'ECG dell'adulto

L'elettrocardiogramma di un bambino ha caratteristiche diverse da quelle dell'adulto. Queste differenze sono più marcate nel neonato e con il passare degli anni variano fino all'adolescenza.

Nel neonato c'è una predominanza del ventricolo destro sul ventricolo sinistro a causa della circolazione fetale. L'elettrocardiogramma mostra:

Elettrocardiogramma di un neonato:

  • Frequenza cardiaca compresa tra 90 e 160 bpm.
  • Deviazione dell'asse cardiaco verso destra.
  • Onde R alte in V1 e onde S profonde in V6.
  • Durata più breve delle onde e degli intervalli.
  • Le onde T positive nelle derivazioni precordiali alla nascita, diventando negative in V1-V3 dopo la prima settimana di vita.
  • Onde Q profonde nelle derivazioni inferiori e V5-V6.

Variazioni dell'elettrocardiogramma pediatrico con l'età

Asse cardiaco: la direzione dell'asse del QRS si sposta fino a tornare alla normalità, fra i -30° e i 90°.

Derivazioni precordiali: l'onda R di V1 e l'onda S di V6 si rimpiccioliscono, mentre l'onda S di V1 e l'onda R di V6 aumentano.

Frequenza cardiaca: man mano che il bambino cresce, la& frequenza cardiaca diminuisce. Nell'adulto sano è tra 60 e 100 bpm.

Durata delle onde e gli intervalli: la durata delle onde e gli intervalli dell'elettrocardiogramma aumentano con l'età (onde più ampie e intervalli più lunghi).

Onda T: l'onda T è positiva nelle derivazioni precordiali nel neonato, ma dopo la prima settimana di vita diventa negativa in V1-V3 e persiste fino all'adolescenza, e persino nei giovani adulti (morfología di donde T giovanile).

Per una corretta analisi di un elettrocardiogramma pediatrico è essenziale tenere conto dell'età del paziente e anche conoscere i valori normali di ogni età.

Valori normali di un elettrocardiogramma pediatrico

Nella tabella seguente sarai in grado di osservare i valori normali della frequenza cardiaca, dell'asse cardiaco, della durata delle onde e degli intervalli e dell'ampiezza delle onde R e S in V1 e V6 in ciascuna fascia di età pediatrica.

Età 0-7 giorni 8-30 giorni 1-6 mesi 6-12 mesi 1-5 anni 5-10 anni 10-15 anni adulto
FC (bpm) 90 a 160 100 a 175 110 a 180 70 a 160 65 a 140 60 a 130 60 a 100
PR (ms) 80 a 150 50 a 150 80 a 150 90 a 180 100 a 200
Eje (º) 70 a 180 45 a 160 10 a 120 10 a 110 5 a 110
QRS (ms) 40 a 70 45 a 80 50 a 90 60 a 90
QRS V1 (mV)
Q Non deve esistere onda Q
R 0,5 a 2,5 0,3 a 2,0 0,2 a 2,0 0,2 a 1,8 0,1 a 1,5 0,1 a 1,2 0,1 a 0,6
S 0 a 2,2 0 a 1,6 0 a 1,5 0,1 a 2,0 0,3 a 2,1 0,3 a 2,2 0,3 a 1,3
T -0,3 a 0,3 -0,6 a -0,1 -0,6 a 2 -0,4 a 0,3 -0,2 a 0,2
QRS V6 (mV)
Q 0 a 0,2 0 a 0,3 0 a 0,4 0 a 0,3 0 a 0,2
R 0,1 a 1,2 0,1 a 1,7 0,3 a 2,0 0,5 a 2,2 0,6 a 2,2 0,8 a 2,5 0,8 a 2,4 0,5 a 1,8
S 0 a 0,9 0 a 0,7 0 a 0,6 0 a 0,4 0 a 0,2

Altre anomalie non patologiche dell’ECG dei bambini

Nell'elettrocardiogramma dei bambini è comune trovare anomalie che sono considerate non patologiche.

Aritmia sinusale: variazione della frequenza cardiaca (intervali P-P) con la respirazione. La presenza di aritmia sinusale è frequente nei bambini, adolescenti e giovani adulti, senza che questo significhi alterazione.

Pacemaker atriale migrante: alternanza di onde P sinusali con onde P ectopiche, ossia, onde P di diversa morfologia nella stessa derivazione. L'intervallo PR può anche essere variabile se il focus ectopico si trova nella regione inferiore degli atri. La sua causa principale è un aumento del tono vagale. Non rappresenta la patologia e di solito non richiede un trattamento.

Extrasistole sopraventricolari: Presenza di complessi QRS prematuri che possono essere preceduti da un'onda P non sinusale (origine atriale) o meno (origine nel nodo AV). Non hanno alcun significato patologico, sebbene possano causare sintomi.

Morfologia RSR' in V1: il modello di blocco incompleto di branca destra è frequente nei bambini e nei giovani senza cardiopatia. Sebbene sia accompagnato da un soffio al cuore, dovrebbe essere escluso un difetto del setto atriale.

Blocco atrioventricolare di primo grado: si può osservare in bambini con aumento del tono vagale (non patologico) (vedi blocchi atrioventricolari).

Ripolarizzazione precoce: elevazione del tratto ST con slargamento o incisura del punto J o presenza di onda J. È comune negli adolescenti e nei giovani atleti. Non ha alcun significato patologico, sebbene in alcuni studi sia stato associato al rischio di aritmie ventricolari (vedi ripolarizzazione precoce).

Ti è piaciuto? Condividi.